Decreto riaperture, coprifuoco alle 23 e matrimoni dal 15 giugno

Il coprifuoco dovrebbe essere spostato alle 23 dal 24 maggio. Le riaperture dal 15 maggio al 1° luglio: le ipotesi per palestre, piscine, centri commerciali, feste di matrimonio

Il decreto riaperture è atteso per il 17 maggio. I temi caldi saranno coprifuoco, matrimoni. Cosa può cambiare a fine maggio? Difficile dirlo visto che ieri il premier Draghi, durante il question time alla Camera, ha stemperato le attese.  Il premier ha chiesto ancora un po’ di pazienza confermando che il governo non prenderà decisioni affrettate ma sulle riaperture c’è positività tra i ministri e gli schieramenti politici. Ma ecco che spunta un primo calendario delle riaperture.

Governo a lavoro ma con prudenza

Il ministro Maria Stella Gelmini, in particolare, pensa alle riaperture dei settori wedding, dello sport, dei parchi tematici e dei centri commerciali. “Porteremo in Consiglio dei Ministri un decreto Sostegni da 40 miliardi di euro per affitti, bollette e nuovi contributi a fondo perduto per le imprese più colpite dalla pandemia – fa sapere -. So che settori ancora fermi come quello del wedding, dello sport, dei parchi tematici e dei centri commerciali, sono in grande difficoltà e sto facendo il possibile per portare le loro istanze all’attenzione di tutto il governo. Presto ci sarà una data”.

Ottimismo per allentamenti

L’esecutivo ha serbo diversi provvedimenti che saranno decisi in base all’andamento della curva, da giorni in netta discesa. Si parla dello slittamento del coprifuoco al via ai matrimoni, ma anche spinta al turismo e nuove riaperture. Vige un cauto ottimismo per un ulteriore allentamento delle restrizioni.

Decreto dal 24 maggio

La Cabina di regia del 17 maggio e il successivo Consiglio dei Ministri, il 18 o il 19 maggio, potrebbero apportare modifiche a partire dal 24 maggio. Tema centrale resta il coprifuoco, che dovrebbe essere spostato di 60 minuti, ma si punterà anche a fissare nuove date, come quelle per la ripresa del mondo del wedding. Non è escluso che il ministro Roberto Speranza possa proporre cambi “graduali e in più date”, perché – ha avvertito – “non siamo al liberi tutti”. Per cui, il nuovo orario verrà formalizzato nel Consiglio dei ministri.

Matrimoni, no a maggio, apertura a giugno

Il tema dei matrimoni infiamma il dibattito politico. La linea del Governo espressa da draghi appare quella di voler evitare feste e assembramenti in un momento cruciale dell’abbassamento dei contagi, A spingere però ci sono i partiti di centro-destra e le associazioni di categoria. Se il via libera al wedding non dovesse arrivare, quanto meno a brevissimo termine, il via potrebbe arrivare da metà giugno.

Ecco il calendario ipotizzato delle riaperture

  • 24 maggio – Il coprifuoco scatterà alle 23 per durare fino alle 5.
    Potrebbe essere consentita la consumazione al bancone del bar.
  • 1 giugno – Riaprono le palestre. Riaprono i ristoranti al chiuso dalle 5 alle 18. Potrebbe essere consentita la riapertura al chiuso anche la sera.
  • 15 giugno – Potrebbe essere consentito lo svolgimento dei banchetti nuziali seguendo i protocolli già presentati dalle associazioni di categoria.
  • 1 luglio – Ripartono le fiere e i convegni.
    Fissata la riapertura dei parchi tematici, che però hanno chiesto un’anticipazione.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.