Home Monreale Monreale si doterà di un registro per il diritto del minore alla...

Monreale si doterà di un registro per il diritto del minore alla bigenitorialità

0

La prima commissione consiliare ha approvato all’unanimità l’istituzione del registro per il diritto del minore alla bigenitorialità. Erano presenti il Presidente Giuseppe La Corte, il vice-presidente Mimmo Vittorino e i consiglieri Pillitteri e Micalizzi.

Si tratta di un registro che introduce il diritto soggettivo del minore di vedere ugualmente coinvolti i genitori, anche se separati, in tutti i più significativi momenti della crescita.

Per l’iscrizione al registro è necessario che il minore sia residente nel comune di Monreale e che la richiesta venga fatta da uno o entrambi i genitori presso gli uffici di anagrafe del comune di Monreale.

“L’iscrizione al registro – spiega il presidente della commissione Giuseppe La Corte – si configura come un diritto soggettivo, permanente e indisponibile del minore, legato alla sua persona a prescindere dai rapporti tra genitore e genitore, ovvero il legittimo diritto di mantenere un rapporto stabile con entrambi i genitori, anche nel caso questi siano separati o divorziati, ogni qual volta non esistano impedimenti che giustifichino l’allontanamento di un genitore dal proprio figlio. Tale diritto si basa sul fatto che essere genitori è un impegno che si prende nei confronti dei figli e non dell’altro genitore, per cui esso non può e non deve essere influenzato da un eventuale separazione. Nè su di lui si può far ricadere la responsabilità di scelte separative dei genitori”.

Dopo l’approvazione in commissione sarà compito degli uffici produrre tutti gli atti per la giunta e per l’approvazione definitiva in consiglio comunale e rendere effettivo il registro.

L’articolo Monreale si doterà di un registro per il diritto del minore alla bigenitorialità proviene da Monrealelive.it.

Articolo precedenteGrave incidente stradale a Palermo, ciclista in codice rosso
Articolo successivoSileri annuncia nuove riaperture da metà maggio, apertura sui matrimoni