«Stop coprifuoco e ripresa matrimoni», il Governo verso nuove riaperture dal 1 giugno

La Gelmini «Dal 1° giugno vogliamo i ristoranti al chiuso aperti anche a cena, vogliamo che riparta il settore del wedding»

Da domani cambio di colori per alcune regioni d’Italia mentre dal Governo arrivano segnali per nuove riaperture. È il Ministro Gelmini che annuncia, a partire dal 1° giugno, la ripartenza di altri settori, primo fra tutti quello dei matrimoni. Lo fa attraverso un’intervista al Messaggero. Il governo, in particolare, valuta lo stop al coprifuoco, «Il nostro obiettivo è quello di abolirlo» dice la Gelmini, e di «far riprendere in sicurezza i matrimoni».

Il cambio di colori delle Regioni dal 26 aprile

In base all’ultimo Decreto approvato dal Governo il 21 aprile, infatti, da domani Lombardia, Piemonte, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Veneto, Trentino Alto Adige, Umbria, Marche, Abruzzo, Toscana, Lazio, Campania e Molise passeranno in zona gialla. In arancione saranno Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia e Valle d’Aosta. La Sardegna è l’unica in zona rossa. Nessuna regione sarà in zona bianca.

Cosa riapre in zona gialla

Nelle zone gialle che entreranno in vigore potranno riaprire bar e ristoranti, sia a pranzo che a cena, ma solo per il servizio all’aperto. Sempre da domani, i musei, i cinema, i teatri e le sale da concerto potranno riaprire, a capienza ridotta, e potranno ricominciare le attività sportive all’aperto. Ci si potrà anche spostare liberamente tra regioni in zona gialla.

Spostamenti consentiti tra regioni rosse e arancioni

Tra regioni in zona rossa o arancione, oltre agli spostamenti normalmente consentiti per motivi di lavoro, salute o necessità, ci si potrà spostare con quello che per ora è stato chiamato ‘certificato verde’. Per il momento, il pass consiste nella certificazione del completamento del ciclo di vaccinazione nei sei mesi precedenti rilasciata dalla struttura sanitaria, della guarigione dal Coronavirus nei sei mesi precedenti, o del risultato negativo di un test molecolare o antigenico, in questo caso valido a 48 ore dall’esecuzione.

Intanto il Governo inizia a valutare altre riaperture

Mariastella Gelmini, Ministro per gli Affari regionali, ha svelato l’intenzione del governo di pensare a nuove riaperture. L’attenzione del Ministro va verso le attività di ristorazione, che riapriranno anche al chiuso ma anche verso il settore dei matrimoni, che domani si riunirà nelle maggiori piazze italiana, per protestare.

Ecco cosa ha detto il Ministro

Intervistata da Il Messaggero, La Gelmini ha affermato: «C’è stata qualche polemica sul coprifuoco e sulla difficoltà per i ristoratori a erogare i propri servizi la sera. Ma voglio chiarire un punto: chi va a cena fuori può stare tranquillamente seduto al tavolo fino alle 22 e poi, una volta uscito dal locale, far ritorno a casa senza alcun rischio di ricevere sanzioni».

Coprifuoco verso l’abolizione

«I dati dei contagi stanno migliorando costantemente e la campagna vaccinale è entrata nel vivo: ormai siamo quasi a 400mila inoculazioni al giorno. Se continua il trend positivo a metà maggio – ha proseguito la ministra – si cambia il coprifuoco e il nostro obiettivo è quello di abolirlo. Si riaprono nuove attività».

«Vogliamo che riparta il settore matrimoni»

Gelmini ha aggiunto: «Dal 1° giugno vogliamo i ristoranti al chiuso aperti anche a cena, vogliamo che riparta il settore del wedding e va risolto l’incidente sui centri commerciali che devono poter aprire anche durante i week end».

La Lega rilancia lo stop al coprifuoco

«Noi, donne e uomini liberi d’Italia, chiediamo la cancellazione dell’insensato coprifuoco e la riapertura di tutte le attività nelle zone (gialle o bianche) in cui il virus sia sotto controllo». E’ la richiesta della campagna, lanciata dalla Lega, per togliere il coprifuoco e ottenere maggiori riaperture nelle zone in cui situazione sanitaria sia sotto controllo.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche

I commenti sono chiusi.