Tragedia a Sambuca di Sicilia, agente di polizia penitenziaria si toglie la vita

L'uomo da molti anni prestava in servizio al carcere Pagliarelli a Palermo

Tragedia a Sambuca di Sicilia dove un uomo si è tolto la vita. Si tratta di un Assistente Capo Coordinatore del Corpo di Polizia Penitenziaria, di 56 anni, originario di Sambuca di Sicilia.

Lavorava al Pagliarelli di Palermo

L’uomo da molti anni prestava in servizio al carcere Pagliarelli a Palermo. La notizia è stata data dal Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria Sappe. “Una notizia agghiacciante, che sconvolge tutti noi – si legge in una nota del sindacato dopo il suicidio dell’agente-: dall’inizio dell’anno è il terzo suicidio che contiamo nelle fila del Corpo di Polizia Penitenziaria, uno dei quattro Corpi di Polizia dello Stato italiano”.

Si è tolto la vita nelle campagne del Palermitano

Donato Capece, segretario generale del SAPPE, non entra nel merito delle cause che hanno portato l’uomo a togliersi la vita nelle campagne del Palermitano e sottolinea l’importanza di “evitare strumentalizzazioni” ma rileva che “sui temi del benessere lavorativo dei poliziotti penitenziari l’Amministrazione Penitenziaria e il Ministero della Giustizia sono in colpevole ritardo, senza alcuna iniziativa concreta. Sollecito la Ministra della Giustizia Marta Cartabia a programmare con urgenza un incontro urgente per attivare serie iniziative di contrasto al disagio dei poliziotti penitenziari”.

Allarme suicidi in divisa

Sui suicidi in divisa, il Sappe rileva come “questo è il terzo suicidio nelle file della Polizia Penitenziaria dall’inizio dell’anno, Lo scorso anno 2020 sono stati 6 i poliziotti penitenziari che si sono tolti la vita ed erano stati 11 nel 2019”. Numeri “sconvolgenti”, per Capece che aggiunge: “Ministero della Giustizia e Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria non possono continuare a tergiversare su questa drammatica realtà. Servono soluzioni concrete per il contrasto del disagio lavorativo del Personale di Polizia Penitenziaria. Come anche hanno evidenziato autorevoli esperti del settore, è necessario strutturare un’apposita direzione medica della Polizia Penitenziaria, composta da medici e da psicologi impegnati a tutelare e promuovere la salute di tutti i dipendenti dell’Amministrazione Penitenziaria”, conclude Capece.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.