Sarà zona arancione in Sicilia, “Decisione in 48 ore”

Ruggero Razza riferisce all’Assemblea siciliana sulla situazione pandemica in Sicilia

Qualche ora ancora e scopriremo se l’indice Rt, come appare dalla riduzione dei contagi in Sicilia, ci permetterà di condividere col governo centrale il possibile declassamento del rischio della regione”. Queste le parole dell’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, riferendo all’Assemblea siciliana sulla situazione pandemica in Sicilia, attualmente in zona rossa.

La Sicilia verso la zona arancione, Musumeci cambia idea e chiede controlli

La decisione di anticipare la zona rossa in Sicilia “non è stata politica”

Così l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, riferendo all’Assemblea sulla situazione della pandemia in Sicilia. “Quando Musumeci ha chiesto di anticipare di una settimana la zona rossa – ha spiegato Razza – lo ha fatto sulla base di una valutazione
prognostica perché si poteva immaginare che l’indice Rt avrebbe
superato 1.25 e questo avrebbe reso obbligatoria la zona rossa
per tre settimana. Una valutazione azzeccata, perché l’indice Rt
poi superò 1.27″.

Oggi su 10mila abitanti, la Sicilia è al quinto posto per incidenza dei contagi, al 12simo posto per decessi, settima per tamponi molecolari. Con l’inserimento dei tamponi antigenici, il tasso di positività nell’isola è passato dal 12% al 5%. questi i dati forniti da Razza, nel suo intervento all’Ars.

Le parole di Musumeci che ha anticipato il cambio di rotta

Musumeci aveva espresso un tiepido ottimismo, dopo la “minaccia” deò lockdown, ventilando la possibilità di tornare presto in zona arancione, pur giustificando la decisione presa sinora della zona rossa. “La zona rossa non è stata un capriccio, ma una necessità: eravamo arrivati a 1.970 contagiati e a oltre 40 morti al giorno”. Queste le sue parole nel corso della trasmissione “Oggi è un altro giorno” di Rai 1.

“Siamo all’ultima settimana di zona rossa e per fortuna i dati cominciano ad essere incoraggianti, anche se il numero delle vittime rimane ancora alto. Sono fiducioso: se il calo dovesse essere costante potremmo anche revocare la zona rossa e tornare a respirare nella zona arancione”. 

Lupo: da Razza un intervento desolante, solo slogan e nessuna risposta concreta

“Una relazione desolante che non dà una sola risposta concreta ai tanti problemi nella gestione Covid in Sicilia”. Lo dice il capogruppo PD Giuseppe Lupo a proposito dell’intervento in aula dell’assessore alla Salute Ruggero Razza nel corso del dibattito di oggi all’Ars.  “Nonostante le 6.000 persone assunte per l’emergenza sanitaria – aggiunge Lupo – non è cambiato nulla rispetto alle clamorose inefficienze del sistema del tracciamento, a conferma del fatto che l’assessorato ha ormai rinunciato ad aggredire i problemi di fondo necessari ad interrompere la catena del contagio.  Dichiarazioni vaghe e generiche di Razza anche sulla somministrazione dei vaccini, in particolare per gli oltre 320 mila cittadini siciliani over 80. Nessun intervento concreto, infine, per la sicurezza scolastica ma solo slogan e annunci. Lo ribadiamo ancora una volta – conclude Lupo – senza un sensibile potenzialmente del sistema dei trasporti pubblici locali non sarà possibile pensare al ‘sistema scuola’ in sicurezza”.

Facebook Ricevi le nostre news su Facebook Metti mi Piace

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.