The news is by your side.

Dpcm, sì a ricongiungimenti tra coppie, seconde case entro il 20: chieste modifiche

Il Governo potrebbe modificare il Dpcm per quanto riguarda il 25, 26 dicembre e Capodanno

0

Il Dpcm di Conte si completa con i chiarimenti e le precisazioni sulle domende più frequenti. Il Governo, infatti, ha reso note le Faq riguardo l’ultimo Dpcm, quello che regola gli ultimi giorni del 2020.

No a spostamenti per turismo dal 21 dicembre al 7 gennaio. Coniugi, conviventi e fidanzati, potranno ricongiungersi anche dopo il 21 dicembre per trascorrere insieme le feste se il luogo scelto per il ricongiungimento “coinciderà con quello in cui si ha la residenza, il domicilio o l’abitazione”.

Spostamenti concessi anche a chi deve prestare assistenza a persone anziane e non autosufficienti. Via libera anche a genitori separati o affidatari. Potranno spostarsi anche tra il 21 dicembre e il 6 gennaio per andare in comuni/regioni diverse o all’estero per stare con i figli durante le feste.

Chi vuole trascorrere le feste nelle seconde case, deve raggiungerle entro il 20 dicembre. Lo spostamento verso la seconda casa in una regione diversa da quella di residenza è consentito soltanto a condizione che questa non si trovi in regioni che, alla data del 20 dicembre, siano in zona arancione o rossa. Sarà vietato quindi raggiungere i propri familiari mele seconde case
tra il 21 dicembre e il 6 gennaio, se la casa si trova in un’altra regione. Il divieto vale anche nei giorni 25 e 26 dicembre 2020 e 1 gennaio 2021.

Su queste ultime giornate il Governo potrebbe modificare il Dpcm. Sono tanti i piccoli Comuni che chiedono di modificare il provvedimento. Viene chiesto al premier Conte di concedere gli spostamenti tra Comuni anche a Natale, sento Stefano e Capodanno. Mentre nelle grandi città le famiglie possono riunirsi, percorrendo anche decine di chilometri, nei piccoli centri, invece, non è possibile varcare il confine. Il rischio è che molti non potranno ricongiungersi con amici e parenti e trascorrere le feste in solitudine.

Rispondi