The news is by your side.

Dpcm Conte, Natale e Capodanno blindati: maxi controlli e blocchi stradali

Straordinario dispiegamento di forze dell'ordine anche negli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie e nei porti

0 4

Dopo che il Premier Giuseppe Conte ha spiegato agli italiani il nuovo Dpcm che regolerà le vacanze di Natale. Inizia a prendere forma il piano del Viminale per contrastare spostamenti non autorizzati per il coprifuoco e per il divieto di oltrepassare i confini comunali. Il Ministero dell’Interno sta definendo un piano nazionale che prevede un maxi dispositivo di controllo e di vigilanza lungo le strade durante le giornate festive.

I posti di controllo, secondo quanto filtra, così come a Pasqua, saranno in stazioni, autostrade, superstrade, strade statali. L’obiettivo è scoraggiare gli spostamenti nelle seconde case. Forze dell’ordine anche nelle grosse strade dei centri cittadini. Maxi controlli anche negli aeroporti, nelle stazioni ferroviarie e nei porti. Sotto la lente d’ingrandimento i treni che provengono da altre regioni. Previsto anche l’uso di droni nelle grandi città per scongiurare assembramenti.

Carabinieri, Polizia di Stato, Guardia di Finanza ed Esercito in campo. Si tratta di un maxi dispositivo che prevede un grosso dispiegamento di forze da parte del Viminale. I controlli il 19-20 dicembre, l’antivigilia, la vigilia e il giorno di Natale, il 31 dicembre e l’1 gennaio. Nella notte di Capodanno sarà rivolta particolare attenzione. Sindaci e le Prefetture potranno ordinare di chiudere piazze e strade.

Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 saranno vietati gli spostamenti tra Regioni diverse (compresi quelli da o verso le province autonome di Trento e Bolzano), ad eccezione degli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

Il 25 e il 26 dicembre 2020 e il 1° gennaio 2021 saranno vietati anche gli spostamenti tra Comuni diversi, con le stesse eccezioni (comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute);
sarà sempre possibile, anche dal 21 dicembre al 6 gennaio, rientrare alla propria residenza, domicilio o abitazione.

Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 sarà vietato spostarsi nelle seconde case che si trovino in una Regione o Provincia autonoma diversa dalla propria. Il 25 e 26 dicembre 2020 e il 1° gennaio 2021 il divieto varrà anche per le seconde case situate in un Comune diverso dal proprio.

Rispondi