Allarme a Palermo, due dipendenti della Rap positivi al Covid-19

Due dipendenti della Rap di Palermo sono positivi al Coronavirus. È allarme tra i lavoratori della partecipata palermitana che si occupa della raccolta di rifiuti.
Ieri era stata diffusa dall’azienda la notizia di un dipendente positivo. Nella tarda serata di ieri si è appreso che i dipendenti positivi al Covid19 sono in realtà due.

Addirittura ieri tra i dipendenti circolava la voce che i positivi fossero 5. Una notizia che non è stata confermata. Sono al momento due ufficialmente i lavoratori positivi al tampone. Un fatto che ha reso necessaria l’attivazione dei protocolli di santificazione e di tracciamento dei contatti avuti dai due uomini.

Il primo positivo è un dipendente che lavora in un autoparco. “La sanificazione di mezzi e dei luoghi di lavoro si è sempre fatto e si continua a farlo periodicamente. Adesso l’azienda sta facendo eseguire tutti i test sierologici a tutti i dipendenti. Al momento risulta solo un caso positivo ufficiale”. Così la Rap ha comunicato a mezzo stampa il primo dipendente positivo, che ha informato i vertici Rap di propria iniziativa.

L’uomo ha fatto il tampone temendo di essere entrato in contatto con persone positive. L’Asp di Palermo ora sta svolgendo i test su tutti i lavoratori che hanno avuto un contatto con il primo dipendente risultato positivo.

Poi in serata è stato confermato un altro dipendente della Rap positivo al Coronavirus. L’uomo avrebbe avuto contatti con il primo dipendente.

“Nella consapevolezza che il servizio erogato da RAP è da considerarsi un servizio essenziale indispensabile per l’igiene urbana – Giuseppe Norata, presidente della RAP, ha affermato – abbiamo già attivato tutti i canali istituzionali per le varie interlocuzioni e giungere a questo obiettivo celermente”.

La Direzione aziendale ha anche chiarito che “il caso di Covid-19 riscontrato oggi non avrà alcun effetto sull’organizzazione dei servizi di raccolta e pulizia in città”.

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK