Inizia la scuola, via ai test sierologici agli insegnanti

L’Asp di Palermo avvia lo screening per la prevenzione del contagio da COVID-19 rivolto agli insegnanti e al personale non docente nei nidi, nelle scuole dell’infanzia, primarie e secondarie pubbliche, statali e non statali, paritarie e private e negli Istituti di istruzione e formazione professionali.

L’iniziativa rientra nell’ambito delle procedure adottate dal Ministero della Salute e dall’Assessorato regionale alla Salute in vista del nuovo anno scolastico.

L’esame viene effettuato attraverso il test sierologico rapido “pungi dito” e l’adesione è su base volontaria. Il personale docente ed ATA che vorrà aderire alla campagna di screening potrà rivolgersi al proprio Medico di Medicina Generale che effettuerà il test (fornito dall’Asp) comunicando tempestivamente il risultato. In caso di esito positivo verrà immediatamente contattato il Dipartimento di Prevenzione dell’Asp per il riscontro attraverso tampone rinofaringeo. Per tutto il tempo di attesa del tampone, la persona dovrà rimanere in isolamento fiduciario.

LEGGI ANCHE  L'ospedale di Partinico è Covid-Hospital, 20 ricoveri: un paziente in Rianimazione

Nel caso in cui il Medico di Medicina Generale non aderisca o l’utente non abbia il Medico di Base, sarà il personale dell’Asp ad effettuare il test sierologico.

“Per il Distretto 42 di Palermo (città di Palermo, Villabate, Altofonte, Belmonte Mezzagno, Monreale, Piana degli Albanesi, S. Cristina Gela, Lampedusa ed Ustica) – fa sapere l’Asp di Palermo – bisognerà inviare una mail (con oggetto “TEST SCUOLE”) all’indirizzo di posta elettronica [email protected] indicando, oltre al nominativo, anche un riferimento telefonico ed il PTA di appartenenza (Biondo, Guadagna, Enrico Albanese, Casa del Sole o “Palermo Centro”). In risposta verranno fornite le indicazioni su luogo e data di esecuzione del test”.

LEGGI ANCHE  Covid-19, contagi e decessi in calo in Italia, in tutto 7.024 persone guarite

La stessa modalità è adottata anche per la provincia con richiesta da inoltrare, in base alla propria residenza o domicilio, all’Unità Operativa distrettuale di prevenzione di appartenenza.