Rubano carburante a Bellolampo, 21 arresti a Palermo (VIDEO)

Arresti a Palermo, tra cui dipendenti della Rap, per il furto e la ricettazione di carburante dai mezzi della discarica di Bellolampo.

Questa mattina è scattato il blitz che ha coinvolto 25 persone. Le misure cautelari sono state disposte dalla Procura di Palermo ed eseguite dai Carabinieri di Palermo.

In data odierna, su disposizione della in 13 vanno in carcere, 8 agli arresti domiciliari e 4 sottoposti ad obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. Gli indagati devono rispondere responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti e ricettazione, falsa attestazione della presenza in servizio, furto aggravato e ricettazione.

Le indagini sono iniziare nel gennaio 2018 quando è stato smantellato l’operato di un gruppo di persone – 13 tra cui 10 dipendenti della R.A.P. e due gestori di distributori di carburante – costituito in una vera e propria associazione.

LEGGI ANCHE  12 aprile, l'ora buia degli idioti Palermo

Sono stati scoperti furti di ingenti quantità di carburante all’interno del sito di smaltimento dei rifiuti solidi urbani di Bellolampo, con successiva ricettazione dello stesso.

Organizzate secondo ruoli ed incarichi ben delineati (la vedetta, l’autista, l’addetto al rifornimento) ed in costante contatto tra loro, utilizzando un linguaggio criptico per organizzare i furti.

Durante i turni di lavoro, prelevano il carburante dagli autocompattatori, dalle autocisterne e dagli altri mezzi aziendali della discarica; è stato registrato un prelievo medio giornaliero di circa 1.300 litri di carburante.

L’attività del gruppo veniva diretta da un dipendente dell’azienda, considerato il capo dell’organizzazione.

Per giustificare l’ammanco di carburante, venivano annotate ore di lavoro dei mezzi in più. Anche soggetti esterni alla discarica avrebbero fatto accesso per asportare il gasolio dai mezzi.

Oltre ai 13 indagati facenti parte dell’associazione, il Gip ha inoltre ritenuto sussistenti i gravi indizi di colpevolezza a carico di ulteriori 12 persone, due responsabili di furti – anch’essi dipendenti della R.A.P. – e 10 ricettatori del carburante prelevato.

LEGGI ANCHE  Da Corleone e San Giuseppe Jato diventano sacerdoti Salvatore Crimi e Salvatore Grizzaffi

Il 5 giugno 2018, durante l’indagine, i militari avevano arrestato in flagranza 6 persone – tra cui 5 dipendenti dell’azienda – che avevano poco prima rubato dai mezzi di lavoro ben 828 litri di gasolio.

All’operazione dei Carabinieri hanno preso parte 150 militari compresi cinofili, rinforzi del 12° Reggimento ed un elicottero.

SOGGETTI DESTINATARI DI MISURA CAUTELARE

CUSTODIA CAUTELARE IN CARCERE PER “ASSOCIAZIONE PER DELINQUERE FINALIZZATA ALLA COMMISSIONE DI FURTI ED ALLA RICETTAZIONE”:

1. AURELIO CIRO, 1965;

2. CALÒ GIOVANNI, 1967;

3. COCUZZA GIUSEPPE, 1964;

4. CORONA MARCO, 1973;

5. DI MAGGIO ROSARIO, 1958;

6. LOPITALE FRANCESCO, 1960;

7. LULLO SALVATORE, 1982;

8. MANGANO FAUSTO, 1967;

LEGGI ANCHE  Samara Morgan terrorizza Partinico, panico e urla in strada (VIDEO)

9. MILAZZO ALESSANDRO, 1972;

10. SCARIANO BENEDETTO, 1956;

TUTTI NATI A PALERMO, IVI RESIDENTI;

11. INZERILLO FRANCESCO, 1991;

12. INZERILLO GASPARE, 1984,

NATI A PALERMO, RESIDENTI A FICARAZZI (PA);

13. SCHIRÒ PIERO GIORGIO, NATO AD ALTOFONTE (PA) 1971, IVI RESIDENTE.

ARRESTI DOMICILIARI PER “FURTO AGGRAVATO”:

14. AMMIRATA GIOVANNI, NATO A PALERMO 1961, IVI RESIDENTE.

ARRESTI DOMICILIARI PER “RICETTAZIONE”:

15. BOLOGNA ALBERTO, 1983;

16. D’ALEO VINCENZO, 1974;

17. DI CACCAMO CRISTOFORO, 1982;

18. MARTELLI FILIPPO, 1984;

19. RIGGIO PIETRO, 1979;

20. SPATOLA GIOVANNI, 1961;

TUTTI NATI A PALERMO, IVI RESIDENTI.

21. PUGLISI GIOVANNI, NATO A PALERMO 1997, RESIDENTE A TORRETTA (PA).

OBBLIGO DI PRESENTAZIONE ALLA P.G. PER “FURTO AGGRAVATO”:

22. L. C. F.

OBBLIGO DI PRESENTAZIONE ALLA P.G. PER “RICETTAZIONE”:

23. G.A.

24. D.M.C.

25. D.M.F.