Strazio a Terrasini, è di Matteo Lo Iacono il secondo corpo senza vita ritrovato a Ustica

È di Matteo Lo Iacono il corpo senza vita, ritrovato questa mattina a largo dell’isola di Ustica. Resta in mare ancora Vito Lo Iacono, il figlio.

Il corpo è stato ritrovato stamani al largo dell’isola a largo d Palermo. Si tratta di uno dei marinai di Terrasini dispersi da mercoledì scorso dopo il naufragio delle motopesca Nuova Iside.

La motovedetta della Guardia Costiera, dopo aver recuperato il corpo, è approdata al porto di Terrasini per effettuare il riconoscimento della vittima. Sul posto, oltre ai familiari, anche il medico legale. Il cadavere è stato visto galleggiare a circa 14 miglia, a Nord di Capo Gallo dall’equipaggio della motonave Antonello Da Messina che collega l’isola di Ustica a Palermo.

“Il corpo rinvenuto in mare dall’Antonello da Messina è quello del nostro concittadino Matteo Lo Iacono, il comandante della Nuova Iside”, lo conferma il sindaco di Terrasini Giosuè Maniaci. 

“Rimaniamo ancor più vicini alla famiglia Lo Iacono nella preghiera, rispettando il loro dolore, nella speranza che presto possa essere ritrovato anche il giovane Vito”

Il ministro delle politiche agricole Teresa Bellanova  ha voluto manifestare al sindaco questa mattina la vicinanza dello Stato per questa tragedia e ha promesso che queste famiglie non rimarranno sole.

“Domani proclameremo il lutto cittadino per Matteo, chiedendovi fin d’ora di avere rispetto del dolore dei familiari nelle modalità di svolgimento del funerale”, ha aggiunto il sindaco.

Adesso manca all’appello il terzo disperso che si trovava sul peschereccio al momento della tragedia. Le ricerche continuano, senza sosta, con l’impiego di tre motovedette d’altura Guardia Costiera, di un velivolo ad ala fissa ATR 42 Manta della Guardia Costiera e di un elicottero della Aeronautica militare.

Appena ieri, le comunità di Cinisi e Terrasini, hanno dato l’ultimo saluto a Giuseppe Lo Iacono, cugino dei dispersi, il cui corpo è stato restituito dal mare nel primo pomeriggio di giovedì scorso.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.