C’è l’elicottero della Polizia, la musica è finita e gli amici se ne vanno allo Sperone (VIDEO)

Arrivano Carabinieri, Polizia e Guardia di Finanza allo Sperone, a Palermo, dopo che il video della grigliata di Pasqua organizzata sui tetti di alcuni palazzi è diventato virale. Così la carne è andata di traverso ai tanti palermitani che sono saliti sui tetti per eludere i controlli anti Coronavirus.

Qualcuno ha qualcuno ha chiamato le forze dell’ordine che sono subito arrivate e hanno bloccato il party di Pasqua sui tetti dello Sperone. Per persuadere gli allegri commensali è dovuto anche intervenire un elicottero della Polizia e le pattuglie di polizia, carabinieri e finanza.

La musica è finita e gli amici se ne vanno quindi allo Sperone, alla periferia nord orientale della capoluogo siciliano. Mamme, papà e bambini, una trentina hanno dovuto fare ritorno a casa.

Le immagini della grigliata sui tetti, accompagnate dalla colonna sonora delle canzoni neomelodiche che si sentono in sottofondo, immortalano decine di persone impegnate ad arrostire la carne o sedute attorno ai tavoli mentre mangiano e bevono.

Adesso non è chiaro se i partecipanti dell’allegra brigata che ha organizzato la grigliata sui tetti di Palermo saranno sanzionati visto che si trattava di un’area privata. Di sicuro però resta il disgusto della maggior parte dei palermitani che hanno seguito a pieno i consigli dell’autorità per il contenimento dell’epidemia.

In piazzale Ignazio Calona, dopo la segnalazione ricevuta da alcuni cittadini del posto, sono intervenute diverse pattuglie delle forze dell’ordine che stanno procedendo all’identificazione dei responsabili.

“Anche grazie ai video che loro stessi hanno stupidamente diffuso, nei quali per altro non lesinavano insulti al sottoscritto – ha detto il Sindaco Leoluca Orlando – sarà più facile identificare questi incivili e incoscienti che hanno coinvolto in questa grave violazione anche numerosi minori, commettendo in un solo momento diversi reati. Per tutti loro scatteranno le sanzioni e le denunce previste, con le pene che meritano.
Non posso che esprimere gratitudine, che sono certo non essere solo mia ma di tutta la stragrande maggioranza dei palermitani e degli abitanti dello Sperone, alle forze dell’ordine che sono intervenute subito e in modo deciso.”

Ricevi tutte le news

SEGUI DIRETTA SICILIA SU GOOGLE NEWS

SEGUICI SU FACEBOOK
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.