Quarantena fino al 3 maggio, nasce task force per la ricostruzione

Arriva la proroga dal 14 aprile al 3 maggio del “lockdown” per ridurre il contagio da Coronavirus. Conte firmerà il nuovo decreto che conferma tutte le misure che limitano gli spostamenti e le attività produttive. Lo ha riportato l’Ansa. È questo il contenuto della bozza del Decreto che Conte spiegherà ai cittadini in conferenza stampa.

C’è però qualche piccolo spiraglio per quanto riguarda la riaperture delle attività economiche. Ripartono solo il commercio di carta, cartone e articoli di cartoleria, le librerie e i negozi di vestiti per bambini e neonati ma solo nel caso in cui potranno garantire tutte le regole di sicurezza. Aperture chirurgiche limitate solo a qualche codice Ateco.

LEGGI ANCHE  Covid-19, in Sicilia Nas e Commissari da Roma, Musumeci: "Si mandino cento ispettori"

La conferenza stampa del Premier Giuseppe Conte era in programma alle 14, poi è stata rinviata alle 17 e ancora una volta rinviata. La conferenza stampa del premier è prevista alle 19.30. Il Governo sta limando gli ultimi provvedimenti anche se ormai la strada verso la quarantena al 3 maggio sembra spianata.

Evidentemente i dati positivi sul trend dei contagi non convincono il Governo che vuole fare piccoli passi verso la riapertura del Paese. Si rischia di incappare in un’altra impennata di infezioni e una nuova fase di lockdown. Nei primi giorni di maggio sarà fatto di nuovo il punto della situazione e si deciderà se avviare la Fase 2 o continuare con le restrizioni.

LEGGI ANCHE  Ok a spesa in altro Comune se si può risparmiare, il Governo chiarisce il Dpcm

La riunione del governo è iniziata stamane poco prima delle 11 ma, riferiscono alcune fonti, ha avuto diverse pause. Si sarebbe a lungo discusso delle parziali riaperture di alcune attività produttive che dovrebbero scattare dal 14 aprile: si sono confrontate, riferiscono le stesse fonti, le linee di chi voleva limitare al massimo le deroghe, come il ministro di Leu Roberto Speranza, e di chi invece voleva allargare le maglie, come la ministra di Iv Teresa Bellanova.

In una seconda fase della riunione si sarebbe invece discusso dei risultati dell’Eurogruppo e in particolare del Mes, su cui il M5s tiene una linea dura, mentre c’è chi come Iv apre al suo utilizzo.

LEGGI ANCHE  Coronavirus, l'Italia "zona rossa" oltre il 3 aprile