Home Economia Mistero sui 100 milioni promessi da Musumeci per le famiglie povere

Mistero sui 100 milioni promessi da Musumeci per le famiglie povere

0

Stentano ad arrivare i soldi ai Comuni annunciati da Musumeci. Fino ad oggi sarebbero stati accreditati solo il 30% dei 100 milioni promessi per aiutare le famiglie in difficoltà. Il restante 70% sarà di difficile reperimento. Lo riferisce il deputato regionale del Movimento 5 Stelle Luigi Sunseri. «Finora non si e’ visto un solo centesimo nella casse dei Comuni – afferma e nelle tasche dei siciliani e chissà quando arriverà la gran parte».

Ad oggi le uniche somme disponibili nelle casse dei Comuni siciliani sono quelle dello Stato. «I siciliani che in questi giorni stanno ricevendo i buoni spesa sappiano che è grazie alle somme stanziate prontamente da Roma e non a quelle annunciate dal presidente della Regione in pompa magna 9 giorni fa».

Sunseri poi aggiunge: “Il 28 marzo scorso Musumeci annunciava 100 milioni di euro per i Comuni, per consentire alle famiglie disagiate di accedere all’assistenza alimentare. La relativa delibera regionale veniva finalmente pubblicata giorno 31. Ad oggi non un solo centesimo è arrivato nelle casse dei Comuni. Solo ieri, giorno 4 sera, sono stati decretati i primi 30 milioni (meno del 30% dell’importo previsto)»

Pee accedere ai buoni spesa, tra l’altro, sono previste procedure molto farraginose e differenti da Comune a Comune, che renderanno difficile l’erogazione. I restanti 70 restano ancora un dilemma. «I primi 30 milioni- spiega ancora Sunseri- derivanti dal Fondo sociale europeo, erano destinati all’asse 2 per la Riduzione della povertà e dell’esclusione sociale e, quindi, facilmente rimodulabili perché destinati a tematiche simili».

I restanti 70 milioni derivano dal Poc (Programma operativo complementare) e dovranno essere stornati dagli assi 8 (promozione dell’occupazione dell’inclusione sociale), 9 (rafforzamento del capitale umano e miglioramento dei sistemi formativi e d’istruzione) e 10 (miglioramento delle condizioni di contesto sociale nei sistemi urbani e territori siciliani). «Parliamo quindi di somme tolte al turismo e ai beni culturali conclude il parlamentare -. Queste somme saranno le più complesse da rimodulare e arriveranno sicuramente in forte ritardo, perché somme che erano già state impegnate (quindi con graduatorie) e che dovranno essere compensate riattribuendo lo stanziamento iniziale, probabilmente dal Fesr”.

Articolo precedenteScoperta una cura al Coronavirus in Australia, l’Ivermectina lo uccide in 48 ore
Articolo successivoPizzeria aperta in piena zona rossa di Salemi, multa a titolare e clienti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui