Home Cronaca Covid-19, il boss di Misilmeri muore a Bologna, a rischio rivolte nelle...

Covid-19, il boss di Misilmeri muore a Bologna, a rischio rivolte nelle carceri

0

C’è il promo detenuto italiano morto per Coronavirus. È un carcerato della provincia di Palermo. Si tratta di Vincenzo Sucato, morto dentro il carcere di Bologna per Coronavirus.

L’uomo, 76 anni, è stato arrestato nel dicembre 2018 per associazione mafiosa nell’ambito del blitz “Cupola 2.0”. Era considerato il boss di Misilmeri.

Il detenuto morto per coronavirus era arrivato nel carcere di Bologna nell’agosto 2019. Dal 26 marzo era ricoverato in ospedale a causa di alcune patologie e difficoltà respiratorie. All’ospedale di Bologna Vincenzo Sucato è entrato da paziente Covid. È stato sottoposto al tampone ed è risultato positivo al Covid-19. Nel frattempo, il 28, ha avuto, su decisione del giudice siciliano, gli arresti domiciliari in ospedale.

Sucato è un vecchio mafioso, già arrestato nel 1997. Le ultime indagini dei carabinieri del nucleo Investigativo, coordinate dalla Dda di Palermo, avevano svelato il suo rinnovato attivismo nella riorganizzazione di Cosa nostra. “Era in cella con un altro detenuto, asintomatico, che è in isolamento in carcere, così come le altre persone che avevano avuto contatti con lui”, spiega all’Ansa Antonietta Fiorillo, presidente del tribunale di Sorveglianza di Bologna.

Ora nelle carceri si temono altre rivolte dopo il primo detenuto palermitano morto per Coronavirus.

Articolo precedenteCovid-19, in Sicilia 1.718 contagi, +71 rispetto a ieri ma diminuiscono i ricoveri
Articolo successivoNotte di terrore a Balestrate, incendio devasta un supermercato e un bar (VIDEO)

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui