Home In primo piano La quarantena non finirà il 3 aprile: forse il 18

La quarantena non finirà il 3 aprile: forse il 18

0

Il 18 aprile potrebbe essere la data della fine della quarantena. Anche se non sarà certo un liberi tutti. Di sicuro c’è che anche Pasqua sarà sotto il segno del lockdown.

Quando sarà il picco del Coronavirus? Quando riapriranno le attività economiche? Domande a cui nemmeno il Governo sa dare una risposta al momento. L’emergenza Covid-19 non è ancora terminata ma ci si chiede cosa succederà nel post fine quatantena.

Ci sono due fronti in campo. C’è chi sostiene che le chiusure sono una misura esagerata e chi invece vorrebbe stringere ancora di più.

Si certo c’è che la fine della quatantena del 3 aprile è solo un miraggio e sarà spostata almeno fino al 18 aprile, compresa Pasqua.

Intanto secondo gli esperti la curva dei contagi si sta appiattendo. Il picco è atteso nel giro di qualche giorno. Finalmente inizieremo a intravedere una discesa dell’epidemia. Secondo gli esperti il picco potrebbe arrivare in 7-10 giorni. Lo ha confermato anche il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri.

Secondo Sileri, “l’aumento del numero dei tamponi rappresenta la direzione giusta da seguire”. Poi ci sono le altre categorie di lavoratori da sottoporre a test regolari e ciclici: le forze dell’ordine, i farmacisti, gli addetti nei supermarket, i giornalisti.

Il presidente della Federazione nazionale degli ordini dei medici (Fnomceo) Filippo Anelli avanza un’ipotesi simile. Per l’esperto di dovrebbero utilizzare test rapidi per capire quali soggetti hanno sviluppato immunità contro il nuovo coronavirus e possono dunque per primi tornare a lavoro quando ci sarà la riapertura del Paese e delle attività.

Come detto la tesi più plausibile quella del blocco fino al 18 aprile e poi una ripresa graduale se i dati dovessero iniziare a migliorare ulteriormente.
Conte in un’intervista al Paìs, alla domanda se la chiusura delle attività produttive durerà molto, ha risposto: “No, è una misura economicamente troppo dura. Per le scuole e le università, però, si possono introdurre delle modifiche”.

Articolo precedenteCoronavirus, a Corleone mascherine artigianali donate agli “angeli della Protezione Civile”
Articolo successivoTragedia a Partinico, si accascia e muore dopo tre giorni di dolore al petto

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui