Sommossa al carcere Pagliarelli per il Coronavirus, detenuti bruciano lenzuola (VIDEO)

Alcuni detenuti hanno annunciato uno sciopero della fame e delle sete, a partire da domani

La paura Coronavirus arriva fino alle carceri. Una rivolta hanno inscenato i detenuti del carcere Pagliarelli di Palermo questa notte. I detenuti hanno dato avvio alla sommossa sulla scia delle altre rivolte che nel corso della giornata di oggi si sono svolte all’interno di altre carceri.

I detenuti del carcere Pagliarelli di Palermo protestano  per la sospensione dei colloqui  e perchè temono il contagio dal coronavirus. Chiedono interventi per prevenire l’arrivo dell’influenza del Covid-19 anche dentro le mura della casa circondariale.

Alcuni detenuti hanno iniziato a bruciare lenzuola dalle finestre delle sezioni Nettuno e Adriatico che si affacciano su Viale Regione Siciliana. I detenuti hanno anche iniziato a battere contro le sbarre delle celle in forma di protesta.

Alcuni di loro, durante la protesta, hanno espresso la volontà di cominciare uno sciopero della fame e delle sete, a partire da domani.

La direttrice Francesca Vazzana sta cercando di dialogare con i detenuti per riportare la calma.

Al carcere Pagliarelli sono arrivate anche numerose automobili delle forze dell’ordone che hanno anche bloccato a circolazione di viale Regione Siciliana.