Impiegata di Riscossione Sicilia intascava i soldi e li “investiva” in scommesse (VIDEO)

I finanzieri hanno accertato anomali versamenti di denaro sul conto corrente della donna

La Guardia di Finanza di Palermo ha indagato una dipendente di Riscossione Sicilia perchè accusata di peculato e autoriciclaggio. Per la donna, R. S. è scattata la misura cautelare della sospensione dai pubblici uffici per un anno.

Le indagini sono state coordinate dalla Procura di Palermo e l’ordinanza p stata emessa dal Gip palermitano. Alla dipendente, una donna di 40 anni, sono statti sequestrati 163 mila euro in relazione alle ipotesi di reato di peculato e autoriciclaggio.

Le indagini sono state svolte dagli specialisti del Gruppo Tutela Spesa Pubblica del Nucleo di polizia economico-finanziaria delle Fiamme Gialle. È stato scoperto che l’indagata, una addetta alla gestione delle istanze di rateizzazione e rottamazione delle cartelle esattoriali di Riscossione Sicilia, tra il 2017 e il 2019, avrebbe intascato somme di denaro dei contribuenti.

La donna prometteva alle vittime trattamenti di favore nella gestione delle pratiche. Dopo essersi accaparrata i soldi, la donna li versava nei suoi conti. Parte di essi sono stati usati per scommesse online 

Tra le vittime del raggira anche anche una congregazione religiosa e una  cooperativa che gestisce una comunità alloggio per famiglie svantaggiate e donne vittime di violenza e maltrattamenti.

Alla donna sono stati sequestrati un immobile nel centro di Palermo, due auto appena acquistate, conti correnti e le è stato anche disposto il blocco su un quinto dello stipendio.

Fondamentale è stata la collaborazione di Riscossione Sicilia per le indagini della Guardia di finanza.

➡️ Per questa e altre news seguici su Facebook.

Il sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se accedi a un qualunque elemento del sito acconsenti all"uso dei cookie ACCETTO più info

Politica sui Cookie