Omicidio a Terrasini di Paolo La Rosa, bloccato a Camporeale Alberto Pietro Mulè

Sono state condotte serrate indagini sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Palermo

Gli investigatori valutano anche la posizione di Filippo Mulè, fidanzato della sorella di Paolo La Rosa

È stato arestato il presunto responsabile dell’omicidio di Paolo La Rosa. I Carabinieri hanno fermato Alberto Pietro Mulè, 20enne di Camporeale.

Paolo La Rosa, 20 anni, è stato assassinato la notte scorsa a Terrasini nelle vicinanze di una discoteca in Piazzetta Titi Consiglio- Il giovane, al culmine di una lite, è stato ucciso, con alcune coltellate.

Paolo La Rosa era molto conosciuto a Cinisi, suo luogo di origine. A Terrasini suo padre è titolare di una nota pizzeria.

Dopo l’accoltellamento, Paolo La Rosa è stato soccorso dai sanitari, ma è deceduto in ambulanza prima di arrivare all’ospedale Civico di Partinico.

I Carabinieri della Compagnia di Carini, giunti immediatamente sulla scena del crimine appena allertati, hanno visionato le immagini dei sistemi di video sorveglianza del comune e di alcune attività private e raccolto numerose testimonianze per ricostruire nel dettaglio quanto accaduto in quei momenti concitati.

Sono state condotte serrate indagini sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Palermo, che hanno consentito di acquisire ulteriori e fondamentali indizi di reato per ricostruire la responsabilità di Alberto Pietro Mulè.

Il ragazzo è stato rintracciato e bloccato nelle campagne di Camporeale. Sul posto anche il pubblico ministero che ha emesso a suo carico un fermo di indiziato di delitto in quanto ritenuto responsabile di omicidio.

In seguito al fermo del presunto omicida di Paolo La Rosa si sono registrate proteste davanti la caserma di Cinisi. Gli investigatori valutano anche la posizione di Filippo Mulè, fidanzato della sorella di Paolo La Rosa.

➡️ Per questa e altre news seguici su Facebook.

Il sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se accedi a un qualunque elemento del sito acconsenti all"uso dei cookie ACCETTO più info

Politica sui Cookie