Coronavirus, a Mussomeli quattro persone in quarantena, c’è il quinto morto

L’Italia è il terzo Paese al mondo per numero di contagi, dopo la Cina e la Corea del Sud

Al momento i quattro muratori di Mussomeli in isolamento non presentano alcun sintomo

In Sicilia ci sono quattro persone in isolamento volontario per sospetto contagio da Coronavirus. Si trovano a Mussomeli, in provincia di Caltanissetta.

Sono quattro muratori che stavano eseguendo dei lavori a Vò Euganeo, in provincia di Padova, per conto di una ditta. Si tratta del comune in cui è avvenuto uno dei quattro decessi in Italia per Coronavirus. Sono tornati dal paese del Padovano e hanno deciso di mettersi in isolamento volontario nelle proprie abitazioni.

Al momento i quattro muratori di Mussomeli in isolamento non presentano alcun sintomo, ma dopo essersi consultati anche con i propri medici di famiglia, hanno deciso spontaneamente di rimanere in isolamento nelle loro abitazioni. Intanto l’Asp di Caltanissetta ha istituito una task force attiva 24 ore su 24 per fronteggiare eventuali emergenze.

Risultano al momento stazionarie le persone in quarantena a San Fratello, nel Messinese. Due famiglie, su invito del sindaco, sono in isolamento per ipotesi di contagio da coronavirus.

L’Italia è il terzo Paese al mondo per numero di contagi, dopo la Cina (oltre 77 mila) e la Corea del Sud (763): in base all’ultimo bollettino, sono 219 i casi accertati nel nostro Paese (contando anche i decessi e chi era malato ma è poi guarito).

Cinque persone che avevano contratto il virus sono morte: un uomo di Vo’ Euganeo di 78 anni, una 77enne di Casalpusterlengo, un’anziana di Crema, già debilitata a causa di un tumore, un 84enne di Bergamo che aveva patologie pregresse e un uomo di 88 anni di Caselle Landi, nel lodigiano.

➡️ Per questa e altre news seguici su Facebook.