The news is by your side.

Morte sospetta al Policlinico di Palermo, donna di 52 anni muore dopo operazione

La Procura di Palermo ha aperto un’inchiesta disponendo l’autopsia dopo la denuncia del marito

0

È stata aperta un’inchiesta dopo la morte di Maria Finocchio, 52 anni, in seguito a un’operazione chirurgica. La donna è morta dopo aver subito un’operazione allo stomaco al Policlinico di Palermo.

Una vera e propria odissea ha trascorso Maria Finocchio prima di morire a causa di alcune complicazioni insorte dopo essere stata operata al nosocomio del Capoluogo. Sono stati tre gli interventi a cui è stata sottoposta la signora a causa di un’ulcera. Sul caso ora indaga la Procura della Repubblica di Palermo.

È stata avviata un’indagine per capire se dietro la morte di Maria Finocchio possa celarsi un caso di malasanità. La donna è deceduta nel corso della notte tra l’11 e il 12 febbraio nel reparto di Chirurgia d’urgenza. Alla notizia della morte della congiunta, nel reparto si sono generati momenti di tensione tra i parenti e i sanitari.

Il marito di Maria Finocchio si è presentato alla Polizia per sporgere denuncia. Gli agenti hanno avviato le indagini e si sono recati dunque al Policlinico e hanno posto sotto sequestro le cartelle cliniche.

Secondo quanto ricostruito dai familiari, la 52enne è stata sottoposta a tre operazioni a causa di un’ulcera duodenale sanguinosa. Dopo le tre operazioni, la paziente è stata regolarmente dimessa e mandata a casa, per poi essere nuovamente ricoverata.

Domenica scorsa Maria Finocchio si è sentita male ed ha iniziato ad accusare forti dolori allo stomaco.  È andata quindi al pronto soccorso. Dopo i controlli martedì scorso la situazione si è aggravata. Poi il triste epilogo.

Il Pm ha disposto l’esecuzione dell’autopsia sul corpo della donna alla quale parteciperanno anche i legali e i periti di parte della famiglia della paziente.

Dal Policlinico è stata resa nota la volontà di non rilasciare dichiarazioni in merito alla more della donna e di voler attendere l’esito dell’autopsia, rispettando anche il dolore dei familiari.

Rispondi