Tragedia alla Favorita, muore il dj Antonino Vassallo, sono già 6 i morti nel 2020

Una lunga scia di sangue lungo le strade della provincia di Palermo nel primi giorni dell'anno

Antonino Vassallo era un dj conosciuto nell’ambiente giovanile di Palermo

Sono ore di dolore a Palermo per la morte di Antonino Vassallo, il dj palermitano deceduto questa notte in un incidente lungo la strada del parco della Favorita di Palermo in direzione di Mondello.

Il ragazzo non ce l’ha fatta, è morto sul colpo in seguito alo schianto della Fiat Punto guidata da S.T., 29 anni, fotografa e videomaker, che ora si trova ricoverata in gravi condizioni all’ospedale di Villa Sofia.

Antonino Vassallo era un dj conosciuto nell’ambiente giovanile di Palermo. I due ragazzi stavano tornando da una fiera del settore sposi alla Fiera del Mediterraneo dove avevano allestito uno stand per pubblicizzare la propria attività. Antonino Vassallo era residente a Partanna Mondello. La sua salma è stata restituita ai familiari per i funerali.

Quella di Vassallo è la sesta tragedia della strada che avviene in provincia di Palermo in 17 giorni, i primi del 2020 che è iniziato nel peggiore dei modi per quanto riguarda gli incidenti mortali.

L’anno 2018 e 2019 avevano fatto registrare un netto calo delle morti lungo le strade. Il 2020 è già un anno critico con 6 persone morte tra i quali tanti giovani. Come Giuseppe Nicoletti, morto in seguito a un incidente stradale lungo la Palermo-Messina insieme al padre. Il ragazzo, 38 anni, è morto in ospedale.

Tragica è stata anche la morte di Simone Pipitò anche lui morto sulla Palermo-Messina mentre andava a lavorare a Belmonte Mezzagno. Poi è arrivata la morte di Salvatore Guercio investito mentre andava a gettare la spazzatura quando un’auto lo ha preso in pieno: aveva passato anni nel suo bar Leopardi, la sua morte ha sconvolto un quartiere.

L’ultima tragedia è di questa settimana. A morire lungo la Sp5 tra Altofonte e Piana degli Albanesi è stato Marco La Barbera, 31 anni. Di ritorno da un allenamento, la sua Fiat 600 si è scontrata frontalmente con un’altra Fiat 600 sulla quale viaggiavano due infermiere del Policlinico, entrambe rimaste ferite. Ieri ad Altofonte si è svolto il toccante funerale di Marco La Barbera.

Il sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se accedi a un qualunque elemento del sito acconsenti all"uso dei cookie ACCETTO più info

Politica sui Cookie