Morto in carcere il monrealese Salvatore Lupo, stroncato da infarto

Salvatore Lupo, originario di Monreale (Pa) è morto all’interno del carcere di Frosinone dove era stato rinchiuso in seguito a una condanna per associazione mafiosa.

Salvatore Lupo, classe 1988, è stato trovato senza vita sul letto della cella del carcere laziale in cui era rinchiuso. Al mattino le guardie carcerarie lo hanno trovato morto probabilmente a causa di un arresto cardiocircolatorio. Salvatore Lupo, quindo, secondo le prime indiscrezioni, sarebbe morto per infarto.

Originario di Monreale, 31 anni, Salvatore Lupo era stato condannato a sei anni di carcere a novembre per associazione mafiosa dal Gup di Palermo. Era stato arrestato dai carabinieri di Monreale nel corso dell’operazione antimafia denominata Nuovo Papa e proprio Lupo sarebbe stato designato dalla criminalità organizzata locale come iniziale capo della famiglia mafiosa. Poi lo scettro passò a un altro affiliato.

Sarà comunque l’autopsia a chiarire le cause della morte di Salvatore Lupo, deceduto ancora giovane. Lascia la moglie e un figlio.


Seguici su Facebook


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.