Home Senza categoria Operazione antimafia a Palermo, decimato il mandamento di Brancaccio (VIDEO)

Operazione antimafia a Palermo, decimato il mandamento di Brancaccio (VIDEO)

0

Operazione antimafia a Brancaccio a Palermo. Sono nove gli arresti eseguiti oggi a Palermo all’interno del mandamento mafioso di Brancaccio, un duro colpo a cosa nostra.

È una mafia dall’aspetto inedito quella che emerge dall’operazione antimafia di Brancaccio, una mafia che apre il proprio business anche ad altre attività criminali.

Questa mattina dalle prime ore del mattino la Polizia di Stato di Palermo opera fermi e sequestri nell’ambito di un vasto blitz antimafia ai danni delle famiglie mafiose del rione palermitano di Brancaccio.

Le accuse nei confronti delle 9 persone arrestate vanno da associazione mafiosa, a estorsione, all’associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, auto riciclaggio, al danneggiamento fraudolento di beni assicurati ed altro.

I nove arresti di mafia di oggi sono stati disposti dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura di Palermo che ha coordinato le indagini, ed eseguiti dalla Squadra Mobile di Palermo.

L’operazione è l’epilogo di indagini sul mandamento mafioso di Brancaccio e sulle famiglie mafiose di Corso dei Mille e Roccella, che ha reso una inedita radiografia di Cosa Nostra e dei suoi interessi criminali.

Accanto agli storici interessi per le rapine e lo spaccio di droga, capillarmente controllato anche attraverso l’ausilio di quadri intermedi, è emerso come anche il lucroso mercato delle truffe assicurative richiamasse le attenzioni mafiose.

In quest’ottica, è stato riscontrato come cosa Nostra avesse esteso i suoi interessi anche sul fenomeno criminale delle truffe assicurative, realizzate attraverso la violenta condotta criminale dei cosiddetti “spaccaossa” e del “sacrificio” di vittime scelte in contesti sociali degradati, disposte ad avere cagionate fratture gravissime. Si tratta di un desolante spaccato criminale già scoperto dalla Polizia di Stato nei mesi di agosto 2018 e aprile 2019, che portò all’arresto di decine di malviventi privi di scrupoli.

E’ emerso adesso come a beneficiare delle laute liquidazioni del danno, conseguenti ai finti incidenti, fossero le casse di Cosa Nostra che introitavano grosse somme dedotte le “spese” di poche migliaia di euro da destinare agli “spaccaossa” e agli altri partecipi della messa in scena

Nel corso dell’odierna operazione, sono in corso ingenti sequestri di beni mobili ed immobili.

Articolo precedenteRischio neve e ghiaccio, obbligo di catene a bordo in strade e autostrade: ecco quali
Articolo successivoTurismo e posti di lavoro, rinasce il mega resort “Madonie Golf Resort” di Collesano

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui