Home Società Allerta meteo arancione, il maltempo sferza la Sicilia

Allerta meteo arancione, il maltempo sferza la Sicilia

0

È allerta meteo. Una intensa ondata di maltempo si attende per oggi e domani nel Sud e in Sicilia.

L’allerta di colore arancione è stata diramata dalla Protezione Civile che annuncia la nuova ondata con temporali, nubifragi e tempeste di vento. Il vortice depressionario prima si posizionerà ad ovest della Sardegna per interessare poi il tratto del Mediterraneo fra la Tunisia e la Sicilia.

La decisione di chiudere la scuola l’hanno presa i sindaci di alcuni comuni in provincia di Palermo e Messina. Scuole chiuse anche in gran parte dei Comuni dell’Agrigentino. In provincia di Ragusa i sindaci di Ispica e Pozzallo, memori del tragico nubifragio del 26 ottobre scorso, hanno disposto la chiusura di ogni attività didattica mentre negli altri Comuni una fitta di rete di comunicazioni fra i servizi locali di protezione sta valutando la chiusura o meno delle scuole.

Previste – secondo la Protezione Civile – precipitazioni fin dalla tarda mattinata, tendenti a diffuse e persistenti nella seconda parte della giornata con fenomeni a prevalente carattere di rovescio o temporale con quantitativi cumulati molto elevati sui versanti ionici e generalmente elevati sui restanti settori meridionali e occidentali.

A Palermo la Protezione civile ha informato i residenti nelle aree a rischio «R4», quale le zone di Inserra nel versante dell’ospedale Cervello, di Falsomiele al Baglio Meli, ed a Falsomiele in contrada Casuzze, della possibilità di un notevole aumento del rischio frane.

Ad Agrigento scuole chiuse, cimiteri e impianti sportivi interdetti e raccomandazioni a spostarsi il meno possibile e ad essere prudenti. Dopo che la Protezione civile regionale ha diramato l’allerta «arancione», il primo ad annunciare per oggi la chiusura, in via precauzionale, degli istituti scolastici è stato il sindaco di Agrigento, Lillo Firetto.

Stessa decisione è stata presa dal sindaco di Canicattì Ettore Di Ventura. Il sindaco di Grotte, Alfonso Provvidenza, ha posto il divieto di attività all’aperto ed ha interdetto le aree pubbliche a rischio ma le scuole restano aperte. Il sindaco di Favara, Anna Alba, invece, ha firmato l’ordinanza di chiusura degli istituti scolastici di ogni ordine e grado, così come il collega di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino, e il capo dell’amministrazione di Cammarata Vincenzo Giambrone che ha raccomandato: «Rimanete in casa, in luoghi sicuri e uscite solamente in caso di estrema necessità».

Stessa ordinanza e stesse raccomandazioni alla prudenza sono state fatte dai sindaci di Ribera e Sciacca, rispettivamente Carmelo Pace e Francesca Valenti, così come dai capi delle amministrazioni di Santo Stefano Quisquina e Bivona, rispettivamente Francesco Cacciatore e Milko Cinà. Voce fuori dal coro, invece, quella del sindaco di Racalmuto Vincenzo Maniglia che sui social ha reso noto: «Si raccomanda prudenza per il fenomeno di rovesci e condizioni avverse. Le scuole saranno comunque aperte».

Anche il sindaco di Licata, Pino Galanti, ha deciso che le scuole resteranno aperte: «Raccomandiamo a tutti di usare prudenza negli spostamenti. Allarmismi eccessivi, però, sono ingiustificati»

Articolo precedenteSan Giuseppe Jato fortunata, vinti 50 mila euro
Articolo successivoLa Sicilia regina delle vacanze di Natale 2019, boom di turisti in B&B e Case vacanza

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui