Nuovi parcheggi a Palermo, la Regione stanzia 80 milioni

Non solo Palermo e Catania riceveranno finanziamenti per la costruzione di nuove infrastrutture, nell’elenco ci sono anche altri comuni come Agrigento, Marsala, Trapani, Partinico.

La parte più corposa riguarda però i due capoluoghi piu Grandin. Giungono, infatti, 50 milioni di euro per la realizzazione di parcheggi a Palermo e 23 milioni a Catania.

L’assessore regionale alle infrastrutture Marco Falcone ha firmato i decreti che concedono i finanziamenti per la realizzazione delle opere e ha scritto ai Comuni per chiedere i termini di presentazione dei progetti esecutivi, che dovranno arrivare entro 60 giorni.

“A Palermo – annuncia Falcone – sono stati assegnati quasi 50 milioni – cui si sommano oltre 100 milioni di investimenti privati – per costruire i parcheggi di piazza Boiardo (vicino alla stazione Notarbartolo), via De Gasperi, piazza Don Bosco e viale Francia, in posizione strategica per integrarsi con i trasporti su rotaia”.

Come anticipato, i finanziamenti sono previsti anche per i comuni che contano meno di 30 mila abitanti. Sette milioni in tutto saranno utilizzzati per costruire nuove infrastrutture a Caltagirone, Marsala, Bagheria, Partinico, Canicattì, Misterbianco, Favara, Trapani, Acireale, Ragusa, Siracusa, Avola, Agrigento, Licata e Mazara del Vallo.

“Lo abbiamo detto in questi mesi – dice Falcone – e così dovrà essere: il governo Musumeci intende assicurare una ricaduta rapida e concreta all’investimento del piano parcheggi, sbloccato dopo decenni di improduttiva attesa. Le infrastrutture intermodali come i parcheggi servono a migliorare in concreto la vivibilità delle città, risanando il contesto urbano e incentivando gli automobilisti a utilizzare il trasporto pubblico”.


Ricevi le nostre ultime notizie da Google News: clicca su SEGUICI, poi nella nuova schermata clicca sul pulsante con la stella!
Seguici

Potrebbe interessarti anche
Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.