Il siciliano “super” Luca Parmitano è il comandante della Stazione spaziale

Oltre a rappresentare una novità assoluta per l’Italia, Luca Parmitano è anche il terzo europeo a ricoprire il ruolo di comandante dell’Iss.

Luca Parmitano è il primo italiano e il terzo europeo a guidare la stazione internazionale che orbita attorno alla Terra. Oggi è stato il giorno del passaggio di consegne all’astronauta siciliano.

Parmitano, come detto, rappresenta l’Italia nella missione  sulla stazione spaziale e continuerà a essere il responsabile per la parte restante della sua permanenza a bordo che si concluderà a febbraio, quando farà ritorno sulla Terra dopo circa sette mesi in orbita.

Oggi è dunque la giornata dedicata al festeggiamento di questo importante traguardo per l’Italia. L’astronauta di Paternò, in provincia di Catania, fa parte dell’Agenzia Spaziale Europea (ESa) e assume oggi il comando della Stazione Spaziale Internazionale.

Nelle scorse settimane Parmitano ha pubblicato sui social diverse foto scattate dalla stazione orbitante. La Sicilia, in particolare, è sempre al centro dei suoi pensieri. Di notte, di giorno, Parmitano l’ha fotografata in tutti i modi e non manca mai l’occasione per ricordare la sua terra di origine.

Come comandante della Stazione spaziale internazionale, Parmitano ha il compito di mantenere unito il gruppo, sovrintendere le operazioni di bordo e comunicare con i direttori di volo a Houston, mantenere l’armonia e l’equilibrio nella collaborazione tra i membri dell’equipaggio per far sì che la missione venga completata con successo. “Ringrazio tutti per la fiducia che mi date”, ha detto Parmitano, emozionatissimo, in diretta dalla Stazione spaziale, collegato anche con la sede dell’Agenzia spaziale italiana. La cerimonia celebrata in orbita si è conclusa con il suono simbolico di una campanella di ottone.

La sua prima missione da astronauta risale al 2013 quando ha partecipato alla missione «Volare» dell’Esa. Parmitano trascorse 166 giorni in orbita, svolgendo anche due passeggiate spaziali. Il 20 luglio 2019, il giorno del cinquantesimo anniversario dello sbarco sulla Luna, è decollato di nuovo dalla base spaziale di Baikonur, in Kazakhistan. Il rientro di Parmitano è previsto per febbraio 2020.