Il fantasma di Samara in giro per la Sicilia, paura a Palermo e Catania

In rete gira un video di Samara a San Berillo

0

Si tratta della moda del momento

C’è un personaggio inquietante che gira per le strade della cittàb è Samara. Si tratta del personaggio del film dell’orrore The Ring che vaga per Catania. E oggi lavvistamento anche a Palermo.

La ragazza gira per le strade del capoluogo etneo. È una giovane con capelli lunghi nerissimi che le coprono anche il viso. L’inquietante figura è proprio vestita come Samara, una tunica chiara e andamento lento. Vaga per le strade di notte ed è già stata avvistata in numerosi quartieri di Catania.

Sul web sono già stati postati numerosi video che ritraggono Samara. A Librino e a San Giovanni Galermo i primi avvistamenti.

Dopo il capoluogo etneo Samara Morgan, personaggio di fantasia protagonista del film horror The Ring, è stata “avvistata” anche a Palermo, più precisamente in via del Vespro. Sono numerose le segnalazioni giunte sulla presenza di una losca figura tra le strade della città“.

Durante la notte una persona travestita dal noto personaggio della saga horror ‘The Ring’ è stata vista dondolarsi su un’altalena in un parco giochi e ripresa mentre insegue e spaventa delle persone.

Sembra essere la moda del momento quella di travestirsi da Samara, come era già successo ad Afragola, in Campania. A Catania si era diffusa la notizia che il “fantasma” di Samara fosse stato picchiato, ma la polizia, almeno per gli avvistamenti a Librino e San Giovanni Galermo, ha smentito.

In rete gira un video di Samara a San Berillo con battibecco in corso e qualche spintone di troppo con una prostituta. Quanto ci sia di goliardico e di “montato ad arte” per i social non è difficile immaginare.

Su Facebook è stata creata anche una pagina che ne documenta le ‘apparizioni’ e la tensione ha cominciato a salire tra gli abitanti. “Lo scherzo è bello quando dura poco” scrive un utente, “Adesso basta, agiscano le forze dell’ordine contro questa persona” gli fa eco un altro papà. ‘Samara’ ora rischia il linciaggio, mentre si attende di identificare gli autori della bravata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.