Riapre la Scala dei Turchi, un paradiso restituito a siciliani e turisti

La scogliera mozzafiato si erge tra spiaggette di sabbia dorata

0

La Scala dei Turchi sembra sospesa tra cielo e mare

È sicuramente uno dei luoghi più belli e suggestivi della Sicilia. Una bellissima scala bianca che si immerge nello splendido mare siciliano. Stiamo parlando della Scala dei Turchi di Realmonte in provincia di Agrigento.

La suggestiva spiaggia della Scala dei Turchi di Realmonte, nell’Agrigentino, da domani (giovedì 8 agosto) verrà restituita a siciliani e turisti.

Sono finiti i lavori di messa in sicurezza del litorale effettuati dall’Ufficio contro il dissesto idrogeologico nell’Isola, guidato dal presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci. La riapertura della Scala dei Turchi è prevista alle 10.30. A tagliare il nastro sarà il governatore e dell’assessore all’Ambiente Toto Cordaro.

“Riconsegniamo alla pubblica fruizione – sottolinea il presidente Musumeci – con un ingresso pedonale sicuro, una delle spiagge più incantevoli della Sicilia e meta di bagnanti provenienti da tutto il mondo. Prosegue senza sosta la nostra attività di tutela e valorizzazione del territorio”.

La Scala dei Turchi consiste in un costone di marna bianca, una roccia sedimentaria di natura calcarea e argillosa dal caratteristico colore. Ormai da alcuni anni è una delle mete turistiche obbligate, ma da dicembre del 2017 era impossibile accedervi via terra anche se il luogo non ha mai smesso di essere frequentato nonostante l’ordinanza del Comune di Realmonte, a tutela dell’incolumità pubblica che ne impediva il transito a causa della caduta di massi.

Le opere eseguite hanno comportato: la bonifica del costone roccioso interessato e il distacco delle sue parti instabili; la collocazione di reti paramassi in acciaio; la chiodatura di una rete corticale oltre a un sistema di drenaggio dei filoni idrici presenti.

La Scala dei Turchi sembra sospesa tra cielo e mare, e si trova non troppo distante da Porto Empedocle. Il suo nome è legato alla leggenda secondo cui il luogo era il riparo delle navi turche i quali salivano i gradoni nella roccia per a depredare i luoghi lungo la costa. La tipica forma a scalinata è dovuta al processo di erosione causato da acqua e vento.

Questa scogliera mozzafiato si erge tra spiaggette di sabbia dorata, per raggiungerle occorre passeggiare lungo la scala naturale di pietra calcarea, dall’alto della sua sommità il panorama è bellissimo, abbraccia tutta la costa di Agrigento fino a Capo Rossello.