Home Economia Agli stranieri piace la Sicilia e ci comprano casa, boom di compravendite

Agli stranieri piace la Sicilia e ci comprano casa, boom di compravendite

0

Americani, tedeschi e inglesi sono i più numersi a voler comprare casa in Italia e la Sicilia è una delle mete più ambite. Non solo per trascorrere le vacanze ma anche per affittare a sua volta ai connazionali.

La domanda di acquisto immobili da parte degli stranieri è aumentata in media dell’1,3% nel primo semestre del 2019. Un vero e proprio record che si ricollega alla rinascita del settore immobiliare in generale.

Sopratutto nelle mete di vacanza più in voga le compravendite sono aumentate e gli stranieri sono sempre più interessati a investire nel settore immobiliare.

Ai primi posti tra le regioni più richieste sempre la Toscana e la Puglia, ma si è registrato un boom di richieste per la Sicilia.

I dati sono emergono dal report di Gate-away.com, il portale immobiliare italiano esclusivamente dedicato agli stranieri che vogliono comprare case italiane. Secondo il portale specializzato in compravendite immobiliari da parte degli stranieri e le elaborazioni sul traffico del portale, la principale novità di questi primi sei mesi del 2019, rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, è la crescita di domande per regioni come la Sicilia (+43,9%), l’Abruzzo (+18,4%), l’Umbria (+31,46%) e la Calabria (+40,03%) che si posizionano rispettivamente al quinto, sesto, settimo e nono posto nella classifica delle 10 regioni più ambite, in cui da anni, spicca al primo posto la Toscana, che subisce una lieve flessione del 10,15%.

Gli statunitensi sono i principali acquirenti di immobili in Sicilia 17,9% sul totale); ci sono poi stranieri provenienti dalla Germania (13%), è Regno Unito (12,4%).

Anche se le case indipendenti sono preferite ad appartamenti, la richiesta di questi ultimi è cresciuta dell’11% rispetto allo scorso anno, offrendo più opportunità a coloro che vogliono vendere.

Oltre il 66% delle richieste che arrivano a Gate-away.com riguarda abitazioni completamente ristrutturate o già abitabili, mentre sono il 13,6% quelle per case da ristrutturare; il nuovo rappresenta invece l’8,7%.

«Ricordo che il mese di gennaio del 2018 lasciava presagire un anno record – commenta Simone Rossi, general manager di Gate-away.com – registrammo un +44,8% rispetto a gennaio 2017. Ma poi, con l’instabilità di Governo e, soprattutto, il rischio Italexit, nel mese di maggio 2018 arrivammo a -7,3%. Il panorama di questo inizio 2019, invece, riequilibra di fatto l’andamento di crescita. Se nei primi mesi (gennaio, febbraio e marzo) abbiamo registrato un leggero segno meno rispetto alle cifre record di inizio 2018, da aprile a giugno le domande hanno ripreso a crescere, raggiungendo anche +28,9% a maggio»

Articolo precedenteAssunzioni di 800 agenti del Corpo Forestale alla Regione Sicilia
Articolo successivoDichiarazione dei redditi, c’è tempo entro il 23 luglio

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui