The news is by your side.

L’isola di Lipari diventa «Plastic free», plastica monouso al bando

Plastica vietata dal gennaio 2020

0

Il comune di Lipari si allinea alle direttive europee per combattere l’inquinamento da plastica

Lipari, l’isola più grande dell’arcipelago delle Eolie, diventa “plastic free”. Un’ordinanza del primo cittadino mette al bando la plastica monouso a partire da gennaio 2020. Il sindaco Marco Giorgianni ha firmato il documento che ha come oggetto “Disposizioni ai cittadini residenti e alle attività commerciali e non, insistenti sull’intero territorio comunale per la minimizzazione dei rifiuti e la riduzione dell’impatto ambientale: divieti dell’uso e della commercializzazione di shopper (sacchetti per asporto merci) in polietilene, contenitori, stoviglie monouso ed altro materiale non biodegradabile, anche in occasione di feste pubbliche e sagre.

Di fatto il Comune di Lipari è adesso tra le città che si impegnano a ridurre l’uso della plastica, in linea con gli indirizzi europei. Le misure previste saranno tuttavia integrate in maniera graduale, così da garantire una corretta ed estesa informazione e, soprattutto, permettere alle attività commerciali lo smaltimento delle scorte di magazzino.

L’entrata in vigore del provvedimento, infatti, così come specificato nell’ordinanza, è fissata a partire dal 10 gennaio 2020. A partire da questa data, a tutti gli esercizi commerciali, fissi e itineranti, sarà vietata la distribuzione di  sacchetti per asporto merci in plastica che dovranno essere sostituiti con shopper in materiale biodegradabile e compostabile. Saranno permesse esclusivamente la vendita, la distribuzione, l’utilizzo ed il consumo di materiale monouso del tipo biodegradabile e compostabile, quale, ad esempio, posate, piatti e bicchieri di qualsiasi forma e dimensione, coppe, coppette, ciotole e ciotoline, cannucce, miscelatori per bevande, aste per palloncini, bastoncini cotonati cotton fiocc.

Il provvedimento coinvolgerà anche le feste pubbliche e le sagre in cui potranno essere distribuiti al pubblico, visitatori e turisti, esclusivamente stoviglie e contenitori monouso del tipo biodegradabile e  compostabile. 

L’ordinanza prevede, per i trasgressori, sanzioni pecuniarie fino alla sospensione dell’attività commerciale, in caso di reiterazione superiore alle tre volte. 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.