Home Economia La Sicilia è tra le mete turistiche più gettonate dell’estate 2019

La Sicilia è tra le mete turistiche più gettonate dell’estate 2019

0

Secondo i giornali locali, quest’anno in Sicilia c’è stato un boom nell’arrivo di turisti già a partire dalla primavera, complici le festività a ridosso della Pasqua.

Le temperature gradevoli che si possono trovare già nei mesi di marzo e aprile, ogni anno fanno registrare anticipazioni importanti nella stagione turistica. Che si arrivi in auto, aereo o per mezzo di un traghetto per la Sicilia, secondo l’Assessorato al Turismo della Regione, tra le mete più ambite figurano certamente Taormina e le Isole Eolie.

Qualunque sia il tratto di spiaggia o la città culturale da visitare, la forbice temporale durante la quale i turisti decidono di organizzare le vacanze, va dall’inizio della primavera fino al mese di ottobre e ciò la pone tra le prime 10 mete italiane preferite, secondo il monitoraggio incrociato dell’osservatorio Nomisma Pro e Unicredit.

Con una superficie di quasi 26 mila chilometri quadrati, dislocati tra l’isola principale e gli arcipelaghi circostanti, la Sicilia è l’isola più grande dell’Italia e dell’intero Mediterraneo. Le varie culture che si sono avvicendate nei millenni, da quella fenicia a quella greca, fino a quella romana, hanno lasciato tracce e opere d’arte ancora oggi presenti in maniera preponderante. La bellezza del suo mare e delle sue spiagge, inoltre, rende la Sicilia una delle mete turistiche più ambite dagli italiani e anche dagli stranieri.

Taormina sorge a quota collinare nella città di Messina e declina dolcemente verso il mar Jonio. Non stupisce che sia, come già accennato, ai primi posti tra le cittadine più visitate dai turisti, innanzitutto per i suoi panorami incantevoli. Potrete visitare anche siti d’interesse storico come il Teatro antico di Taormina, di origini elleniche ma dalle chiare influenze romane; oppure il suggestivo Castello di Monte Tauro, arroccato sul mare; o, infine, è possibile nuotare (e persino camminare in periodo di secca) verso l’Isola Bella, una lingua di terra poco distante dalla costa e Parco Archeologico d’interesse naturalistico.

Sempre nel territorio di Messina, sorgono le Isole Eolie, denominate anche Lipari, tra le quali troviamo le celebri Vulcano e Stromboli, sedi dei vulcani omonimi. Sono apprezzate in particolar modo per l’incontro tra natura e mare, in uno scenario rilassante e bello a vedersi.

Un’altra meta molto “gettonata” è senz’altro l’Etna: con il suo vulcano attivo, offre spettacoli suggestivi, percorsi di trekking e visite guidate ed è patrimonio dell’UNESCO già dal 2013.

Cefalù viene anche definita un borgo sul mare e fa anche parte del Parco Nazionale delle Madonie. Qui sorge un bellissimo Duomo in cui si ritrovano elementi bizantini e di architettura medievale, oltre a tante altre chiese, basiliche e palazzi nobiliari ad arricchirne il centro storico. Non stupisce, quindi, che, secondo dati statistici riportati sui giornali locali, tra il gennaio e il novembre 2018 si sia registrato un incremento del turismo che supera il 10,6%.

A testimonianza della presenza greca in Sicilia, ci sono molteplici esempi apprezzati dai turisti: a cominciare dal Teatro greco di Siracusa, sede di numerosi spettacoli tra cui quelli rappresentati con i famosi “pupi siciliani” e anche di un importantissimo museo; sempre a Siracusa è molto frequentata l’isola di Ortigia, nella quale si arriva a piedi per mezzo di un ponte che lo collega con la città principale, e che è sede dell’acropoli e racchiude il cuore del centro storico cittadino; vi è poi la Valle dei Templi ad Agrigento, un percorso archeologico vero e proprio in cui la luce del tramonto crea un’atmosfera ancora più spettacolare. Infine, oltre ad offrire siti storici, mare meraviglioso e spiagge da sogno, la Sicilia attira italiani e stranieri anche per la sua gastronomia famosa in tutto il mondo: dal pesce freschissimo dei suoi mari, ai celebri cannoli siciliani, passando per i gustosi arancini.

Articolo precedenteTragedia a Cala Mazzo di Sciacca, muore un giovane di 23 anni
Articolo successivoIn graduatoria 150 medici da specializzare, studio legale palermitano vince ricorso al Consiglio di Stato

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui