Strage di cani in provincia di Agrigento, taglia sul responsabile delle polpette avvelenate

I cani ritrovati sono al momento sei ma non è escluso che il «killer dei cani» abbia fatto già altre vittime. Di questi sei poveri animali trovati avvelenati, uno non ce l’ha fatta, è morto a causa degli stenti dovuti alla difficoltà di camminare dopo essere stato avvelenato, forse dopo aver mangiato delle polpette avvelenate. 

La strage di cani avviene a Cianciana, nell’Agrigentino, dove ignoti avrebbero lasciato lungo alcuni sentieri in cui sono soliti vivere alcuni cani randagi delle crocchette avvelenate. Sarà l’esame autoptico sul cadavere del cane trovato morto a cercare di dare una spiegazione. 

Sono almeno sei i cani che sono stati avvelenati negli ultimi giorni a Cianciana, paese in provincia di Agrigento. L’ultimo animale è stato ritrovato morto, dopo ore ed ore di stenti, domenica mattina. Altri due animali stanno lottando fra la vita e la morte e altri tre cani, per fortuna, sono fuori pericolo. Per questo motivo l’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente ha deciso di mettere una taglia di 5 mila euro destinati a “chi permetterà di trovare il responsabile o i responsabili di questo eccidio”.

Intanto la comunità locale degli animalisti condanna l’accaduto e ha manifestato il proprio disprezzo e disappunto verso gesti di questo tipo.  (immagine di repertorio)

Il sito utilizza cookie di profilazione per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se accedi a un qualunque elemento del sito acconsenti all"uso dei cookie ACCETTO più info

Politica sui Cookie