The news is by your side.

Mangiano tonno putrido, 10 ricoverati al Civico di Palermo: sequestri della Capitaneria

Dieci persone di Palermo sono finite all’ospedale Civico per una presunta intossicazione dopo aver mangiato del tonno. Alcuni intossicati sono stati ricoverati per giorni. Oggi sono stati tutti dimessi. Erano giunti al pronto soccorso del nosocomio Palermitano presentando tutti i classici sintomi da intossicazione da istamina. I controlli dei medici hanno evidenziato infatti che tutti i pazienti erano affetti dalla cosiddetta sindrome sgombroide.

L’Asp dopo aver ricevuto la notizia ha avviato tutti gli accertamenti. I dieci pazienti intossicati dal tonno hanno riferito di aver acquistato il pesce a Ballarò, nei pressi di via Messina Marine e nei mercatini. 

In seguito ai ricoveri la Capitaneria di Porto di Palermo ha avviato i controlli e ha passato al setaccio le pescherie del capoluogo.  Gli uomini della guardia costiera insieme ai carabinieri hanno effettuato controlli su venditori ambulanti abusivi e pescherie palermitane in zona Villaggio Santa Rosalia, zona Oreto e via Messina Marine. Sono state elevate due sanzioni di 16 mila euro e sequestrati 150 chili di tonno non idoneo al consumo che è stato distrutto. Le attività di prevenzione continueranno anche nei prossimi giorni.

Stamattina inoltre, i militari hanno sequestrato tra Palermo e Cefalù una lunga rete da pesca di circa 8 miglia con oltre 500 ami dove erano rimasti intrappolati due tonni, uno di 300 chili ancora vivo e rimesso in libertà, uno di 200 chili ormai morto e dato in beneficenza dopo i controlli dei veterinari alla missione San Francesco.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.